ideafelix magazine logo

ideafelix magazine

Leggi gratuitamente racconti, fumetti e testimonianze inedite provenienti da tutto il mondo

La scienza della vita

di Gina Berriault

Alle nove la moglie tornò a casa da sola. La baby-sitter fu colta di sorpresa dallo stridore degli pneumatici che frenavano sulla ghiaia. Era una ragazza semplice e talmente coscienziosa da sentirsi sotto esame anche quando era da sola. Aveva la sensazione che la gente la considerasse una di cui non ci si può fidare perché era piena di mancanze, così tante da essere imperdonabili, come se le fosse stata data la possibilità di scegliere in che modo apparire agli altri e avesse scelto male. Quando la sera badava ai bambini, se ne stava su una poltrona a studiare i suoi libri mentre i piccoli dormivano. Così in quel momento, quando sentì la macchina e i tacchi alti sulla veranda, restò seduta il tempo necessario perché la donna non pensasse di averla sorpresa in una zona tacitamente proibita della casa. Quando la donna buttò via il cappotto, la ragazza si alzò e prese il proprio dallo schienale della sedia.
«Si sono svegliati?» domandò la donna.
«No» disse la ragazza mentre s’infilava il cappotto.
«Hai un ragazzo che ti aspetta?».
«No» rispose la ragazza, avvolgendosi la sciarpa attorno alla gola.
«Allora perché tanta fretta?».
La donna si allontanò ancheggiando e facendo gonfiare la gonna del vestito rosso privo di spalline. «Dai, resta a bere un bicchierino. Non puoi rifiutare. Non puoi andar via senza aver bevuto un po’ di brandy. Fa freddo, così freddo che potrebbe nevicare. Hai mai visto la neve?» chiese in tono di sfida.

passaparola

whatsapp sharefacebook sharetwitter shareemail

I racconti dimenticati di Gina Berriault

Gina-Berriault

Long Beach, California. 1 gennaio 1926
Greenbrae, California. 15 luglio 1999

Gina Berriault è stata una scrittrice originale, sofisticata, amatissima dagli scrittori ma purtroppo poco nota al grande pubblico. Questo che vi presentiamo è il suo primo racconto tradotto in italiano, tratto dalla raccolta With Women in Their Beds, pubblicata negli Stati Uniti nel 1996 e premiata con vari riconoscimenti tra cui il National Book Critics Circle Award e il PEN/Faulkner Award. Nata a Long Beach in California, nel 1926, era la più giovane di tre figli di genitori immigrati russi ebrei. Dopo un’infanzia difficile, segnata dalla morte di un padre amatissimo e vero mentore, anche lui scrittore freelance, la Berriault ha dedicato anima e corpo alla scrittura. Durante la sua lunga carriera ha scritto quattro romanzi e tre raccolte di racconti e ha insegnato scrittura creativa al Workshop della Iowa Writer’s e alla San Francisco State University.

“La bellezza dei racconti della Berriault è semplicemente travolgente. È una delle più importanti e dimenticate scrittrici di questo secolo”. RICHARD FORD

La natura delle cose

di Barry Targan

Il primo racconto tradotto in italiano di uno scrittore americano elegante, solido e molto astuto.

Le illustrazioni magiche

di Jungho Lee

Jungho Lee è un giovane illustratore sudcoreano, vincitore del World Illustration Award 2016.

Un pizzico di noce moscata fa la differenza

di John Collier

Un piccolo capolavoro del mistero, scritto da uno dei più originali e sorprendenti autori inglesi del novecento.

What Teachers Make

di Taylor Mali

Disegni di Zen Pencil

Vuoi pubblicare un racconto su if magazine? INVIA SUBITO

La montagna ci cade addosso di Charles-Ferdinand Ramuz

La montagna ci cade addosso

Scritto nel 1934, questo è il capolavoro di Charles-Ferdinand Ramuz, scrittore svizzero, considerato da Céline uno dei pochi autentici autori in lingua francese.

VAI AL LIBRO

Ogni copia venduta finanzia con € 4,00 il progetto

Icona-donazioneRadio Freccia Azzurra