ideafelix magazine logo

ideafelix magazine

Leggi gratuitamente racconti, fumetti e testimonianze inedite provenienti da tutto il mondo

Un vuoto nel linguaggio

di Marly Swick

Un tempo credevo che non ci fosse mai niente di nuovo sotto il sole. Ora ciò che credo è che non ci sono quasi mai parole nuove, a eccezione di quelle per i computer, e questo è il problema. La gente diventa sospettosa quando qualcuno o qualcosa non ha nome. È un peccato contro il linguaggio, un peccato contro la comunità. Se non puoi essere etichettato, sei come un’automobile senza targa, sei sfuggente e non devi rendere conto a nessuno, eppure sei in grado di fare danni enormi. Questo è il modo in cui ti vedono gli altri, e in realtà anche tu ti senti un po’ fuori controllo, incerto e spericolato allo stesso tempo, come se i cartelli stradali fossero scritti in un alfabeto sconosciuto, e puoi fare affidamento solo sul tuo istinto in una frazione di secondo. Questa è la ragione per cui io ed Elka siamo così caute, ora. Viviamo la nostra vita come autisti con gli occhi incollati sulla luce rossa che lampeggia nello specchietto retrovisore. Siamo pronte ad ascoltare il canto delle sirene. Aspettiamo di essere punite.

passaparola

whatsapp sharefacebook sharetwitter shareemail

Marly Swick

Marly Swick

Indianapolis (1949)

Dopo un’infanzia vissuta divorando libri, Marly Swick ha perfezionato i suoi studi con un dottorato alla American University e un master di scrittura creativa all’Università dell’Iowa. Vincitrice di numerose borse di studio, tra cui la NEA, il James Michener Grant e il Wisconsin Creative Writing Institute Fellowship, ha scritto per diverse riviste specializzate come The Atlantic Monthly, Redbook, Gettysburg Review, Iowa Review, The North American Review. È autrice delle raccolte di racconti A Hole in the Language (1990), Monogamy (1996), Summer Before the Summer of Love (2004), e dei romanzi Paper Wings (1997) e The Evening News (2000). Professoressa Emerita di scrittura creativa all’Università del Missouri, pittrice nel tempo libero, si autodefinisce una vittoriana che vive nel ventunesimo secolo.

Un pizzico di noce moscata fa la differenza

di John Collier

Un piccolo capolavoro del mistero, scritto da uno dei più originali e sorprendenti autori inglesi del novecento.

Le illustrazioni magiche

di Jungho Lee

Jungho Lee è un giovane illustratore sudcoreano, vincitore del World Illustration Award 2016.

La scienza della vita

di Gina Berriault

Il primo racconto tradotto in italiano di un’autrice originale, sofisticata, la cui scrittura viene considerata tra le più intense della narrativa americana

What Teachers Make

di Taylor Mali

Disegni di Zen Pencil

Vuoi pubblicare un racconto su if magazine? INVIA SUBITO

La montagna ci cade addosso di Charles-Ferdinand Ramuz

La montagna ci cade addosso

Scritto nel 1934, questo è il capolavoro di Charles-Ferdinand Ramuz, scrittore svizzero, considerato da Céline uno dei pochi autentici autori in lingua francese.

VAI AL LIBRO

Ogni copia venduta finanzia con € 4,00 il progetto

Icona-donazioneRadio Freccia Azzurra