Noleggio impianti audio: un mondo di tecnologia, pochi criteri chiari

Se si deve organizzare un evento di dimensioni appena più che ridotte – per non parlare di casi dove si prevede la presenza di decine o centinaia di invitati, come per una conferenza, una presentazione, un seminario – è inevitabile dover mettere in campo una serie di apparecchiature audio che non fanno solitamente parte, tranne casi piuttosto rari, delle disponibilità tecniche dell’azienda media; queste possono andare da semplici sistemi di amplificazione, a dispositivi per le visite guidate, fino a complessi sistemi per la traduzione simultanea, a seconda dello specifico tipo di evento che si vule organizzare, del numero di persone che interverrà, e delle condizioni particolari di utilizzo. Il noleggio di impianti audio come questi si rivela comunque sempre più sovente la scelta vincente, per evitare investimenti fissi inutili in apparecchiature che verrebbero usate troppo di rado per giustificarli. Ma di che tipo di apparecchiature stiamo effettivamente parlando?

Per partire dai dispositivi più semplici, parliamo innanzitutto di sistemi di amplificazione. Dai più basilari amplificatori e radiomicrofoni, a dispositivi più complessi come mi mixer e gli equalizzatori, questi costituiscono la base di qualsiasi evento, rendendo possibile parlare a vaste platee. Da considerare con grande attenzione, nella scelta di quali attrezzature noleggiare, è il tipo di ambiente nel quale verranno messe in opera; esistono infatti situazioni d’uso, come saloni di forme particolari, nelle quali l’acustica ambientale è complessa, ed è necessaria una valida calibrazione e disposizione degli strumenti per garantire un ascolto soddisfacente a tutti i presenti.

Possiamo poi considerare i cosiddetti sistemi per visite guidate, che sono costituiti da un radiomicrofono multifrequenza e una serie di ricevitori monoauricolari. Grande vantaggio di questo genere di apparecchiatura è il costo contenuto, unito alla facilità d’utilizzo: non occorrono installazioni permanenti o comunque complesse o studi di acustica, dato che ogni ascoltatore riceve direttamente dall’auricolare. Sono inoltre, naturalmente, ideali per le situazioni in movimento.

Per completare la panoramica, infine, possiamo ragionare sui veri e propri apparati per traduzione simultanea. Molto complessi, in quanto debbono diffondere l’audio originale a tutti gli interpreti, e poi mandare sui diversi canali disponibili alla platea le versioni da loro tradotte, questi sistemi prevedono installazioni permanenti o semipermanenti, fra cui apposite cabine, fisse o mobili, nelle quali gli interpreti si disporranno per effettuare il proprio lavoro; sono naturalmente impianti adatti a situazioni di elevato profilo, anche per il livello di investimento.

Buona norma, in chiusura: selezioniamo sempre un fornitore che non si limiti a proporre i dispositivi, ma che fornisca soprattutto il supporto tecnico per installarli ed utilizzarli. La nostra azienda con ogni probabilità non dispone di un tecnico audio, e quindi sapere di poter contare su una figura professionale competente che farà in modo che il giorno dell’evento tutto funzioni al meglio è assolutamente essenziale.